• ringraziamento

Tweet

RT @U4Efficiency: Mark Radka, Head of Energy and Climate @UNEP: Mandatory appliance standards are essential to market transformation as th…

Amici della Terra

Togliere subito lo zolfo dalle acque della Sardegna, si può.

Amici della Terra e ConferenzaGNL chiedono al Governo di dare attuazione con la Legge di Bilancio 2018 a quanto previsto nella Strategia Energetica Nazionale.

Comunicato Stampa, Roma - 14/12/2017

Amici della Terra e ConferenzaGNL hanno condiviso l’intenzione dei Ministeri dello sviluppo economico e dell’Ambiente di ridurre allo 0,1% (dall’attuale 3,5%) il tenore di zolfo dei combustibili marittimi usati nelle acque territoriali della Sardegna (12 miglia dalla costa). L’apprezzamento e l’invito a dare seguito all’iniziativa sono stati comunicati con una lettera agli esponenti governativi interessati lo scorso 13 novembre.
Scarica qui la lettera

“Il Ministero censura il recupero di energia?”

Abbiamo presentato le nostre osservazioni e proposte  al documento “Verso un modello di economia circolare” elaborato dal Ministero dell’Ambiente e messo in consultazione pubblica.

Siamo da sempre attivi sui temi dell’efficienza nell’uso di energia e risorse e già negli anni ‘90 siamo stati promotori dell’edizione italiana di Fattore 4, il testo di Amory Lovins, Hunter Lovins e Ernst von Weizsäcker, diventato ora il testo di riferimento degli indirizzi dell’Europa e degli stati membri, e finalmente citato proprio nel documento in consultazione. Come si sosteneva allora raddoppiare il benessere dimezzando l’uso di risorse naturali è possibile, ed è anche l’unico modo realistico per ridurre l’impatto ambientale della produzione industriale.

IX Conferenza Nazionale per l’Efficienza Energetica

Difendere l'Ambiente e la Bolletta

In questa pagina potete trovare le relazioni, gli interventi, le sintesi, i dossier, le foto, le presentazioni, le interviste e la registrazione video integrale dei due giorni di lavori svolti presso l' ex Mattatoio Testaccio a Roma il 27 e 28 novembre 2017

 

Strategia Energetica Nazionale - Ripristinare la priorità per l’efficienza energetica

Necessario un piano di azione per gli usi efficienti del vettore elettrico nel settore

Gli Amici della Terra hanno depositato il documento con proposte e osservazioni rispetto al documento di nuova Strategia Energetica Nazionale (SEN) posto in consultazione. Secondo la presidente Monica Tommasi:“L’impostazione generale della Strategia Energetica Nazionale rappresenta un notevole passo indietro rispetto al documento del 2013.  Sul piano formale, viene persino eliminata la priorità da attribuire all’efficienza energetica, priorità che è invece indispensabile ripristinare”.


Pubblichiamo un' elaborazione su dati Terna, a cura di Sandro Renzi, dei Bilanci regionali di energia elettrica del 2016.

I dati del bilancio elettrico italiano aggiornati al 2016, ricavati da fonti ufficiali, riguardano sia i bilanci regionali che le ore di utilizzazione delle fonti di produzione. I bilanci evidenziano le Regioni in “supero” o “deficit” della loro produzione rispetto alla loro Richiesta, viene anche riportata la quota relativa alla composizione dell’energia rinnovabile e un confronto con il 2015.

E' possibila scaricare l'intero dossier o consultare le singole regioni.

Nove associazioni ambientaliste al Governo: "Con la nuova SEN, il Governo annuncia bollette elettriche ancora più care, sacrifica all'eolico nuovi preziosi territori e non persegue azioni efficaci contro i gas serra"

Comunicato Stampa, Roma - 31/07/2017

Cedendo ancora una volta alle pressioni delle lobby dell'eolico, la "Strategia Energetica Nazionale" (SEN) messa a punto dal Governo prepara ulteriori rincari della bolletta elettrica a danno di famiglie e imprese e una nuova ondata di devastazione del paesaggio e della biodiversità. Inoltre, scegliendo di favorire le fonti rinnovabili elettriche intermittenti come strumento prevalente per il contenimento delle emissioni di gas serra, il governo rinuncia ad incrementare azioni più efficaci, relativamente meno costose e più appropriate per il nostro Paese, come la promozione dell'efficienza energetica, delle rinnovabili termiche e della mobilità sostenibile.